sabato 10 giugno 2017

Wyrmwood






Directed Kiah Roache-Turner
Produced Tristan Roache-Turner
Written Kiah Roache-Turner, Tristan Roache-Turner
Production companies Guerilla Films
Release date
19 September 2014 (Fantastic Fest)
12 February 2015
Running time 98 minutes
Country Australia






Cast
Jay Gallagher as Barry
Bianca Bradey as Brooke
Leon Burchill as Benny
Luke McKenzie as The Captain
Yure Covich as Chalker
Catherine Terracini as Annie
Keith Agius as Frank
Meganne West as Meganne
Berynn Schwerdt as The Doctor
Cain Thompson as McGaughlin
Beth Aubrey as Charlotte
Sheridan Harbridge as Sherri
Damian Dyke as Thompson


Trama
Barry, meccanico e uomo di famiglia, lotta per salvare la sorella che è stata rapita da dei soldati alla vigilia di un'apocalisse zombie. Dovrà combattere sia i non morti che i militari.

Non doppiato in Italiano, ma solo sottotitolato per il momento.

Trailer


Opinione
(Spoiler Free)

Davvero bello!
Un film divertente, ironico, ricco di Splatter e scene Trash.
Impossibile, se si amano gli horror, non guardarlo.
Si può amare od odiare, non credo ci siano alternative, ma non è uno di quei film che puntano a terrorizzare lo spettatore (e che al 99,99% falliscono pietosamente), questo si ispira agli anni '80 e non si prende troppo seriamente.
Va visto senza pretese e ci si divertirà sicuramente!

L'esordio di due fratelli alla regia Kiah e Tristan Roache-Turner, che hanno unito Mad Max all'Alba dei Morti Viventi, con un pizzico di telefilm anni '80 che diverte e non guasta mai.

Una storia semplice: un giorno all'improvviso la popolazione impazzisce, trasformandosi in zombie voraci; pochi non subiscono questa 'metamorfosi' ed inizieranno una lotta per la sopravvivenza.
In particolare i protagonisti sono due fratelli: Berry e Brooke.
Il primo un meccanico e padre di famiglia, che dovrà andare a cercare la sorella, rimasta intrappolata in un capanno e poi rapita dal Governo(?) per farne esperimenti, con esiti inaspettati.

Lungo la strada Berry incontrerà diverse persone, che lo aiuteranno per questa ricerca, mettendo insieme un mezzo corazzato per poter andare in giro per la città...ma come farlo funzionare?
Benzina ed altri liquidi infiammabili hanno perso (non si sa il motivo) la capacità di infiammarsi, quindi le auto sembrano inservibili, ma si renderanno conto presto che c'è qualcosa di molto utile da poter usare e di cui la città abbonda: gli zombie!
Un'idea surreale, grottesca, divertente e geniale.

I motivi dietro questa che appare un'epidemia verranno spiegati mano a mano che si prosegue la visione, ma non tutto, purtroppo. Restano molte domande, che si spera verranno spiegate più avanti (se il progetto va in porto *lo spiego più avanti*).

Come dicevo, non fa paura, ma riesce a non annoiare lo spettatore e regalare una trama piuttosto originale e decisamente interessante da guardare, che fa ridere e regala Splatter insensato che non ci sta male....parliamo di zombie alla fin fine.
           
Vi racconto la Trama.....
No!
Questa volta non racconto nulla.
Dovete vederlo per scoprire tutto ^.^

Serie Tv in cantiere
Esatto! Dal film hanno deciso di creare una Serie Televisiva. Purtroppo si parla di 2019 (se non ho letto male), quindi ci toccherà aspettare per poterla vedere.
Ma in questi giorni il trailer sta girando parecchio su Facebook e sta dividento l'opinione della gente, tra chi lo è curioso di vederlo e chi lo definisce una stronzata....
Io voglio vederla ;)

sabato 3 giugno 2017

Man in the Dark





Titolo originale Don't Breathe
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 90 min.
Genere orrore, thriller
Regia Fede Alvarez
Sceneggiatura Fede Alvarez, Rodo Sayagues
Produttore Sam Raimi, Robert Tapert, Nathan Kahane, Joseph Drake






Interpreti e personaggi

Jane Levy: Rocky
Dylan Minnette: Alex
Daniel Zovatto: Money
Stephen Lang: Norman Nordstrom / "il cieco"
Franciska Töröcsik: Cindy Roberts
Emma Bercovici: Diddy
Christian Zagia: Raul
Katia Bokor: Ginger
Sergej Onopko: Trevor
Jane May Graves: Rebecca
Jon Donahue: Mathew


Trama
Alcuni ragazzi si introducono nella casa di un uomo cieco per commettere un crimine. Considerando le condizioni del padrone di casa i giovani sono convinti che si tratterà di una passeggiata, ma le cose non andranno come previsto.


Trailer


Opinione

Un film piuttosto originale e ben fatto, che riesce a creare suspance, anche in una storia vecchia (ragazzi intrappolati un casa con un pazzo che vuole ucciderli).
Ad aggiungere pepe il protagonista cieco, che si affida solo agli altri sensi, in particolare all'udito,da cui il titolo originale "Don't Breathe".

Mi spiegate perché, cortesemente, in Italia non solo abbiamo cambiato il titolo, ma lo abbiamo fatto in inglese?!? Anche "Non Respirare" era più interessante di "Man in the Dark", che può essere riferito solo al protagonista cieco, ovvero avvolto nelle tenebre, perché il resto (un buon 90% della pellicola) è alla luce. Perché trae in inganno, facendoti credere che il film sia ambientato nell'oscurità...o forse sono io troppo scema! Non lo so....

sabato 27 maggio 2017

The Boy


Titolo originale The Boy
Paese di produzione Stati Uniti d'America, Canada
Anno 2016
Durata 97 min
Genere orrore, thriller
Regia William Brent Bell
Sceneggiatura Stacey Menear

Interpreti e personaggi

Lauren Cohan: Greta
Rupert Evans: Malcolm
Jim Norton: sig. Heelshire
Diana Hardcastle: sig.ra Heelshire
Ben Robson: Cole
James Russell: Brahms adulto
Jett Klyne: Brahms bambino
Stephanie Lemelin: Sandy
Lily Pater: Emily Cribbs


Trama
Greta è una giovane americana che viene assunta come tata in un remoto villaggio inglese prima di scoprire che deve prendersi in realtà cura di una bambola a grandezza naturale che i genitori curano come fosse un bambino di otto anni, avendo perso il loro vero figlio. Violando un elenco di regole rigorose, Greta si ritrova protagonista di eventi inquietanti e inspiegabili che la portano a credere che la bambola sia in realtà viva.

Trailer


Opinione

Un film nel complesso piuttosto originale, anche se contiene alcuni cliché dei film con "bambole".
Una sorpresa è la parte finale, che introduce qualcosa di nuovo e che si riesce a capire solo appena prima che succeda (o almeno, per me è stato così).
Ovviamente la fine è prevedibile e scontata, chiunque ami gli horror negli ultimi istanti si metterebbe le mani in faccia.
Tutto sommato, poteva esser peggiore!
Però non so se consigliarlo oppure no.

Vi Racconto La Trama(Senza Spoiler)

Greta è una giovane donna che è scappata dall'America per lasciarsi alle spalle un passato (che scopriremo mano a mano) per cercare di ricominciare a vivere in Inghilterra, come nuova babysitter per un bambino di 8 anni. Infatti i suoi genitori stanno cercando qualcuno a cui affidarlo durante il periodo in cui andranno in vacanza, ma deve essere Brahms a scegliere la tata.
Già dal primo incontro le viene data una lista di regole a cui deve assolutamente attenersi, altrimenti (le spiega la madre) potrebbero accadere cose brutte.
Ma a sconvolgerla più di tutto è la conoscenza del "bambino", perché si tratta di una bambola di porcellana.
Nonostante tutto a lei quel lavoro serve ed accetta, ma ben presto si renderà conto che cose inquietanti iniziano a succedere in quella casa isolata, perché lei non segue la lista alla lettera.

...se volete sapere tutto
(Con Spoiler!)

lunedì 1 maggio 2017

The Handmaid's Tale


Paese Stati Uniti d'America
Anno 2017 – in produzione
Genere drammatico, fantascienza
Formato serie TV
Stagioni 1
Episodi 10
Dal 26 aprile 2017
Lingua originale inglese
Ideatore Bruce Miller
Tratto da
The Handmaid's Tale (Il racconto dell'ancella), di Margaret Atwood





Interpreti e personaggi
Elisabeth Moss: Offred
Joseph Fiennes: Fred Waterford
Yvonne Strahovski: Serena Joy Waterford
Alexis Bledel: Ofglen
Samira Wiley: Moira

Trama
La società di Gilead, un tempo nota come Stati Uniti d'America, è governata da un regime misogino ed estremista che auspica un ritorno ai valori tradizionali della società.
A capo di Gilead c'è il Comandante, che schiavizza le poche donne fertili rimaste per tentare di ripopolare il mondo. Offred, una delle ancelle del Comandante, cerca di sopravvivere alla crudeltà della società in cui vive e al tempo stesso ritrovare la figlia perduta.

Il Racconto Dell'Ancella
In un mondo devastato dalle radiazioni atomiche, gli Stati Uniti sono divenuti uno stato totalitario, basato sul controllo del corpo femminile. Le poche donne in grado di avere figli, le "ancelle", sono costrette alla procreazione coatta, mentre le altre sono ridotte in schiavitù. Della donna che non ha più nome e ora si chiama Difred, cioè "di Fred", il suo padrone, sappiamo che vive nella Repubblica di Gilead, e che può allontanarsi dalla casa del padrone solo una volta al mese, per andare al mercato. Le merci non sono contrassegnate dai nomi, ma solo da figure, perché alle donne non è più permesso leggere. Apparentemente rassegnata al suo destino, Difred prega di restare incinta, unica speranza di salvezza; ma non ha del tutto perso i ricordi di "prima"...

Trailer


Appena uscita e sta già lasciando il segno.
Tratto dall'omonimo libro pubblicato per la prima volta nel 1985 (da noi nel 1988) che riesce ad essere attuale e inquietante ancora oggi, perché tante paure che compaiono, si stanno (ri)affacciando nel mondo moderno (con un enorme purtroppo, da parte mia).
Tante libertà faticosamente guadagnate rischiano di scomparire per colpa di pochi al comando.

Un thriller distopico che ti tiene incollato, impedendoti di staccarti fino alla fine.
Già solo il Pilot è incredibile. Ti fa star male, ti fa stringere lo stomaco,..ti coinvolge completamente e dopo un'ora vuoi un'altra puntata per continuare a vedere come procede la storia.
Per ora una puntata a settimana, quindi la sofferenza dello spettatore è tanta, ma viene ricompensata.

sabato 29 aprile 2017

Sabato Horror: La Madre




Titolo originale Mama
Paese di produzione Canada, Spagna
Anno 2013
Durata 100 min
Genere orrore, drammatico, thriller
Regia Andrés Muschietti
Soggetto Andrés Muschietti, Barbara Muschietti
Sceneggiatura Neil Cross, Andrés Muschietti, Barbara Muschietti
Produttore J. Miles Dale, Barbara Muschietti, Cristina Lera Gracia (produttore associato)
Produttore esecutivo Guillermo del Toro





Interpreti e personaggi

Jessica Chastain: Annabel
Nikolaj Coster-Waldau: Lucas/Jeffrey
Megan Charpentier: Victoria
Isabelle Nélisse: Lilly
Daniel Kash: Dr. Dreyfuss


Trama
Cinque anni fa, le sorelle Victoria e Lilly scomparvero dal quartiere in cui abitavano, senza lasciare traccia. Da allora lo zio Lucas e la sua fidanzata Annabel non hanno fatto altro che cercarle. Ma quando le ragazze vengono incredibilmente ritrovate vive in un rifugio fatiscente, la coppia inizia a chiedersi se le ragazze siano gli unici ospiti ad essere stati accolti nella loro casa. Mentre Annabel cerca di ricreare una vita normale per le due sorelle, cresce la sua convinzione che in casa aleggia una presenza maligna. Le sorelle presentano semplicemente i sintomi di un trauma o c’è veramente un fantasma che si aggira intorno a loro? E come hanno fatto a sopravvivere tutti questi anni da sole? Mentre la donna cerca risposte a queste domande spaventose, si renderà conto che i sussurri che echeggiano in casa quando le ragazze vanno a letto, provengono dalle labbra di una presenza letale.

Trailer
Opinione
Una favola dark, più che un horror.
Il padre di Victoria e Lilly prende le figlie e le porta via con se, in una capanna nei boschi, ma succede qualcosa...

domenica 23 aprile 2017

12 monkeys

Titolo originale: 12 mokeys
Paese: Stati Uniti
Anno: 2015
Genere: Fantascienza
Stagione: 2
Episodi: 26
Durata: 45 min (episodio)  
Ideatore: Terry Matalas, Travis Fickett
Interpreti e Personaggi: Aaron Stanford (James Cole), Amanda Schull (Cassandra Railly), Kirk Acevedo (José Ramse), Barbara Sukowa (Katarina Jones)
------------------------------
VOTO★★

James Cole viene mandato dal 2043 al 2015 per cercare di impedire il diffondersi di un'epidemia che, nel suo tempo, ha ucciso più del 90% della popolazione mondiale.Insieme a lui ci sarà la dottoressa Railly che, anche se inizialmente scettica, farà di tutto per aiutarlo.

sabato 8 aprile 2017

The Hoarder

 



Titolo originale The Hoarder
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 2015
Durata 84 min
Genere horror, thriller
Regia Matt Winn
Sceneggiatura  James Handel, Matt Winn







Interpreti e personaggi
Mischa Barton ...
Ella
Robert Knepper ...
Vince
Emily Atack ...
Molly
Valene Kane ...
Willow
Charlotte Salt ...
Sarah
Andrew Buckley ...
Stephen
Ed Cooper Clarke ...
Brad
John Sackville ...
Ian
Philip Philmar ...
Jeffrey
Richard Sumitro ...
Rashid
Jamie Bacon ...
Wayne


Trama
L'affascinante Ella scopre un giorno che il fidanzato, un banchiere di Wall Street, ha affittato di nascosto un deposito, e lei teme che lo abbia fatto per nasconderle una relazione. Con l'aiuto di Molly, la sua migliore amica, s'intrufola nella struttura ma quello che scopre è decisamente più terrificante.
 
Trailer

Opinione 

.....no, no, No, NO, NO!!!!
Osceno, orribile, inguardabile....

Girando su Sky l'ho trovato nel reparto horror e mi sono buttata per curiosità.
Mai l'avessi fatto!
Vi dico che avrei voluto mandare avanti per cercare di velocizzare e arrivare alla fine, perchè è insopportabile.
Gli attori sono pessimi, fanno sbadigliare (non so se sia il doppiaggio o se facciano così schifo pure in lingua originale);
La storia non ha il minimo senso logico e procede a stento, con i soliti clichè: sconosciuti intrappolati e qualcosa che da loro la caccia.
Ammetto che la trovata verso la fine è interessante, ma è totalmente sprecata perchè è messo in scena in modo orribile. Non può salvare nulla.
Per non parlare degli ultimi minuti: prevedibilissimi! (Come il resto, d'altronde)
Non lo guardate!!!


Vi Racconto La Trama
(Con Spoiler!)
Visto quanto fa schifo, vi risparmio e vi riassumo la storia.

sabato 1 aprile 2017

The Other Side Of The Door


 

Titolo originale The Other Side of the Door
Paese di produzione  India, Gran Bretagna
Anno 2016
Durata 96 min
Genere horror
Regia Johannes Roberts
Sceneggiatura Johannes Roberts
Produttore 42, Kriti Productions






Interpreti e personaggi
Sarah Wayne Callies: Maria
Jeremy Sisto: Michael (marito di Maria)
Javier Botet: Myrtu
Sofia Rosinsky: Lucy (figlia)
Logan Creran: Oliver (figlio)
Suchitra Pillai-Malik: Piki

Trama
The Other Side of the Door racconta la vicenda di una famiglia che, durante una tranquilla vacanza, viene colpita da un tragico incidente che porta alla morte del loro giovane figlio. La madre - inconsolabile - venendo a conoscenza di un antico rituale in grado di riportare indietro suo figlio per un ultimo saluto, intraprende un viaggio verso un antico tempio. La donna scopre così una misteriosa porta, il confine tra il mondo dei vivi e dei morti. Quando però disobbedisce al sacro ordine di non aprirla, l'equilibrio tra i due mondi viene sconvolto.

Trailer


Opinione 
(Con Spoiler!)
L'ho guardato con scetticismo, perchè non sapevo cosa aspettarmi.
Era un pomeriggio noioso e girando su Sky mi sono imbattuta in questo film, che ho trovato banale e noioso.
Parte abbastanza bene. Mostra una coppia che si trova in India e decide di mettere su famiglia in quel posto, anche se lontano dalla loro casa, ma abbiamo uno strappo, perchè da lì lei si sveglia nel suo letto e aggredisce il marito.
Dovremo capire lentamente cosa è successo per causare questa rabbia. Scopriremo che hanno perso un figlio per un incidente, e grazie ad un flashback della madre vedremo cosa successe quel giorno.
Usciti fuori strada, finiti in un fiume, la macchina va a fondo e la madre prende la figlia, portandola fuori, in salvo. Ha dovuto lasciare il figlio perchè incastrato e la figlia incosciente. Ha dovuto scegliere e non le è stato possibile tornare indietro per salvarlo.
Una cosa che la divora dentro, infatti un giorno, non facendocela più, prende molte pillole provando a suicidarsi.

Sarà la loro "domestica" Piki a parlare con la donna, per cercare di aiutarla ad andare avanti.
Anche lei aveva una figlia, ma è caduta in un laghetto ed è morta da piccola. Per superarlo è andata in un tempio in mezzo ad una foresta, un luogo speciale dove si piò comunicare con i morti e le spiega come fare. Bisogna spargere le ceneri sui gradini davanti alle scale e chiudersi dentro per tutta la notte. E mai, per nessuna ragione, aprire la porta.
Così Maria parte per questo luogo, sparge le ceneri di Oliver e si chiude dentro, scoprendo durante la notte il sotterraneo...ma è una scena fatta molto male e superficiale, che non fa altro che spaventarla e portarla a voler scappare. Ovviamente quando ha raccolto tutto ed è pronta ad andarsene, qualcosa dalla porta attira la sua attenzione.
Dopo un inizio con urla e la porta che sbatte (mooolto spaventoso ed insaspettato *sbadiglio*), sente la voce del figlio, così parlano. Gli chiede scusa e lui, ovviamente, piange perchè vuole stare con lei.
Maria resiste storicamente per tre secondi, prima che lui le dica che deve andare e apra la porta.

Tornata a casa, dopo aver lasciato un biglietto in cui spiegava che aveva bisogno di tempo per riprendersi e che sarebbe tornata (non potendo spiegare del tempio), trova il marito in paranoia.
La notte torna l'armonia e fanno l'amore. (wtf?)
Scena molto ben fatta, soft, ma senza alcun senso! Va bene che dovresti avere la coscienza a posto, pronta a ricominciare la vita, ma di ritorno dall'ultima chiacchierata con tuo figlio morto, forse forse.....bah!

Tempo zero, in casa si inizieranno ad avvertire cose strane.
E chi se non la piccola Lucy verrà in contatto con quell'entità per prima?!
La madre se ne accorgerà e insieme decideranno di tenere il segreto a Michael, ma le cose precpitano in fretta, nonostante lei non voglia crederci.
Infatti farà di tutto per accogliere di nuovo Oliver e farlo sentire di nuovo in famiglia.
Nasconde il tutto anche a Piki, perchè sa benissimo che disaproverebbe, ma diventa presto palese.
Le piante appassiscono in pochi giorni, gli animali muoiono.
Piki la avverte di distruggere tutto quello che potrebbe trattenere Oliver in quel posto, anche perchè Myrtu (guardiano dell'ade) lo sta cercando per riportarlo al posto in cui deve stare.

Non la ascolta e le cose precipitano, tanto che Lucy viene aggredita dal fratello.
Tra visioni e altro, lei sta uscendo di testa, ma ancora non dice nulla al marito.
Un giorno, mentre sono fuori, Piki raccoglie ogni cosa di Oliver e la ammucchia in giardino per dargli fuoco e finire tutto, ma sente la voce della figlia chiamarla e...la segue!
Lo sai che è morta! Lo sai che è un trucco! Dai fuoco a tutto....no, invece si lascia stregare e muore.

Ma Maria ancora non capisce che deve finirla, che è pericoloso.
Dovrà rischiare di perdere Lucy prima di decidersi a dare fuoco a quelle cose.
Michael vede il falò e corre per fermarla, così lei esplode dicendogli tutto, sembrando una pazza.
Dice a Lucy di dire la verità al papà, ma lei dice di non sapere nulla.
(Immagino avrete già indovinato il perchè!)

Dopo un po' di tira e molla, lei vede il viso della figlia capendo che è posseduta, aggredendola e (giutamente) facendo intervenire Michael che la chiude in camera, promettendole che la porterà da uno specialista.
Ovviamente supertemporale  e, mentre lui cerca di chiamare qualcuno, la bambina uccide il cane con un enorme coltello (l'unica figura intelligente di tutto il film, che abbaiava davanti alla presenza di Oliver).
Il padre la trova così e lei/lui si giustifica "Era cattivo, ora non farlo anche tu papà" e lo accoltella.
Come infilare un coltello nel burro. Lentamente pure. E lui resta fermo.
Quando la madre si libera troverà in soffitta un gruppo di sadhu (sacerdoti legati al mondo dei morti e a quel culto, che sembrano seguirla dal metà film), che cercano di finire tutto, ma uccidendo anche la bambina.
Maria riesce ad avvicinarsi, grazie all'intervento di Michael (ancora vivo), chiedendo ad Oliver di lasciarla andare e che lei sarebbe venuta con lui.

Blackout.
Maria si risveglia sentendosi chiamare da Michael. Si trova su delle scale e trova della cenere sotto di lei. Si rende conto di essere all'esterno del tempio e sente il marito dirle che la vuole vedere, mentre lei gli urla di non aprire la porta.....fine!


Insomma: che noia!
Poteva essere gestita meglio tutta la parte riguardante la religione e l'ambiente indiano, che restano come fondo e basta. Trama noiosa e banale, piatta.
Deludente!

sabato 25 marzo 2017

Paradise Beach - Dentro L'Incubo


Titolo originale The Shallows
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 87 min
Genere drammatico, thriller, orrore
Regia Jaume Collet-Serra
Sceneggiatura Anthony Jaswinski
Produttore Lynn Harris, Matti Leshem

Interpreti e personaggi
Blake Lively: Nancy Adams
Óscar Jaenada: Carlos
Brett Cullen: padre di Nancy
Sedona Legge: Chloe Adams





Trama
Nancy sta facendo surf da sola di fronte a una spiaggia isolata quando viene attaccata da un grande squalo bianco che le impedisce di tornare a riva. Anche se solo 200 metri la separano dalla salvezza, dovrà mettere in gioco tutta la sua forza di volontà per sopravvivere.


Trailer


Opinione

Un film che ho voluto vedere per curiosità perché dal trailer, sinceramente, sembrava una storia banale e prevedibile...ma volevo capire cosa avessero messo insieme per crearne un film lungo più di un'ora.
Il succo della storia, in poche parole:
C'è una bella ragazza. C'è il mare. C'è uno squalo. E lei deve sopravvivere.
Ci riuscirà?

Partiamo dall'inizio, Nancy si fa portare in questa spiaggia, stupenda ed isolata da tutto...dove magicamente le prende il telefono con cui fa video messaggi con la sorella (bah!).
Quel luogo le era stato raccontato dalla madre (ovviamente morta) e lei vuole vederlo prima di andare avanti con la sua vita e prendersi responsabilità, diventando medico.
Surfista, quel luogo è perfetto per quello sport e lei passa molto tempo sulle onde, godendosi quella libertà. Ma ad un tratto, insieme ad altri due ragazzi che sono lì per lo stesso motivo (surf, non ricordi) scoprono che poco più verso l'oceano c'è incagliata una balena morta, che si sta decomponendo.
Questo ha attirato uno squalo enorme che, agilmente, si muove tra gli scogli, presenti qua e la, e la barriera corallina sul fondo non troppo profondo, attaccandoli.
Apparentemente senza motivo o forse vedendoli come minaccia al suo cibo (la balena), conclusione logica a cui lei pensa.

Ferita e sanguinante, su uno scoglio, deve riuscire a raggiungere la riva per salvarsi prima che l'alta marea faccia sprofondare il suo rifugio.
Altri pericoli si aggiungono, la disidratazione, la fame, il freddo,...e lo squalo che non demorde.

Insomma, una storia che non boccio proprio del tutto, alla fin fine è piacevole da guardare, regala un'oretta di stacco dalla realtà.
Non fa paura, almeno non a me.
Abbastanza prevedibile (soprattutto il finale), ma sono riusciti nel complesso a trovare un bel compromesso a creare una storia piuttosto originale e guardabile.
Non male, se si pensa a tanti altri "pseudo horror" che girano.
Se vi capita in tv e non c'è altro, meglio di nulla.

lunedì 20 marzo 2017

Non dirmi bugie - Rena Olsen

TITOLO: Non dirmi bugie
AUTORE: Rena Olsen
EDITORE: Newton Compton
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2017
PAGINE: 332
PREZZO: 9,90 euro
GENERE: Thriller
-------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★★


Mentre Clara sta spazzolando i capelli di una delle sue figlie, improvvisamente entrano in casa degli uomini che arrestano suo marito. L’unica cosa che riesce a dirle prima di essere portato via è di non dire niente e lei ubbidisce. Tuttavia, pian piano diventa conscia della gravità della situazione e si rende conto che tutti quelli che conosceva le hanno sempre raccontato solo bugie.

venerdì 17 marzo 2017

In verità è meglio mentire - Kerstin Gier

TITOLO: In verità è meglio mentire
AUTORE: Kerstin Gier
EDITORE: Corbaccio
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2012
PAGINE: 217
PREZZO: 12,90 euro
GENERE: Narrativa
---------------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★★


Caroline è intelligentissima, ha conseguito diverse lauree, sa suonare, parla diverse lingue, è brava con i numeri e, a meno di trent’anni, è rimasta vedova di un uomo che, oltre ad avere molte decine di anni più di lei, era anche il padre del suo ex. Per lei non sarà facile riprendersi soprattutto perché, dopo la morte del marito, ha scoperto che questo era molto ricco e, come se non bastasse, Caroline dovrà affrontare anche tutti i parenti dell’uomo che rivendicano l’eredità, lasciata tutta a lei.

sabato 11 marzo 2017

Lights Out






Titolo originale Lights Out
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 81 min
Genere orrore, thriller
Regia David F. Sandberg
Sceneggiatura Eric Heisserer







Teresa Palmer: Rebecca
Gabriel Bateman: Martin
Maria Bello: Sophie
Alexander DiPersia: Bret
Billy Burke: Paul
Alicia Vela-Bailey: Diana
Lotta Losten: Esther
Andi Osho: Emma
Amiah Miller: Rebecca da bambina
Emily Alyn Lind: Sophie da bambina
Ava Cantrell: Diana da giovane


Trama
Quando Rebecca se n'è andata di casa, pensava di aver lasciato dietro di sé le sue paure di bambina. Crescendo, non era mai sicura di cosa fosse reale e cosa non lo fosse quando le luci si spegnevano e adesso il suo fratellino, Martin, sta vivendo gli stessi inspiegabili e terrificanti eventi che avevano già messo alla prova la sua sanità mentale e minacciato la sua sicurezza. Una spaventosa entità con un misterioso attaccamento alla madre, Sophie, è riemersa. Ma questa volta, quando Rebecca arriva a pochi passi dalla verità, le loro vite saranno in pericolo quando si spegneranno le luci.


Trailer
 


Opinione

Che noia!!!
La storia ha un po' le basi di tantissimi altri film horror: c'è qualcosa in agguato nel buio.
Sophie è "adulta" e vive da sola, è una personalità abbastanza indipendente e vive in modo che dicono "estremo" (ma non è vero! Per capirci, come a dire che chi porta i risvoltini che è originale), ma vuole stare sola. Con fidanzato non gli permette di stare più di qualche ore nel suo appartamento prima di buttarlo fuori.
Insomma, ha dei problemi, è evidente, e lui è di una pazienza quasi infinita!
Quando un giorno ritrova il suo fratellino, capisce che anche lui sta provando le stesse esperienze che ha vissuto lei da piccola. In casa con la madre single, non erano mai solo loro due. E la storia si sta ripetendo.
Cerca di parlare con la madre di quella situazione, perché per un po' le cose sembravano esser andate bene, da quello che sapeva, visto che si era staccata completamente. Ma (ovviamente) decide di rimanere in contatto con Martin, per esser una figura di riferimento nel caso avesse paura.
Tornando nel suo appartamento anche lì tornano questi episodi e questa figura che si muove nell'ombra, non capendo cosa voglia.
Il film avanza noioso fino alla fine, quando tutto viene a galla e si capisce chi sia quella figura, e come mai sia così legata alla madre.

Insomma, un "horror" banale che non fa paura. La storia non regala nulla, a parte la trovata finale per spiegare cosa sia la cosa nell'ombra. Ma resta troppo basso per risollevare tutto il resto.
Non lo consiglio...

(lo trovate anche su viaggiatricepigra.blogspot.it)

venerdì 10 marzo 2017

Una serie di sfortunati eventi (libro 11 e 12) - Lemony Snicket


Risultati immagini per l'atro antroTITOLO: Una serie di sfortunati eventi - L'atro antro
AUTORE: Lemony Snicket
EDITORE: Salani
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2006
PAGINE: 269
PREZZO (di copertina): 8,50 euro
GENERE: narrativa
---------------------------------------------
RECENSIONE DI: Alexis
VOTO: ★★★

Diciamoci la verità: avete davvero creduto che gli Scout delle Nevi potessero aiutare gli orfani Baudelaire? NO, VERO?
Bravi, perché se avete seguito le loro vicende insieme a me, sapete benissimo che i poveri orfanelli sono i creatori dell'hashtag #maiunagioia.

Dopo il Carosello Caligari (e i suoi tragici avvenimenti) i tre fratelli decidono di tentarle tutte per sfuggire al Conte Olaf e si nascondono nientepopodimeno che.. in un sottomarino.
Non in un sottomarino qualsiasi, nel Queequeg di Capitan Controsenso e Fiona, oi!
Dopo aver incontrato due nuovi fantastici alleati e una vecchia conoscenza, i ragazzi si sentono sempre più forti (o, per usare un termine del loro codice alimentare, più wasabi) nella loro lotta contro i peggiori esseri su tutta la terra.
Le disavventure non mancheranno anche in questo episodio, ma gli orfani non si perdono d'animo nemmeno di fronte ad un esemplare pericolosissimo di fungo porcino - ops, pardon - di Mycelium Medusoide.


Riusciranno Violet, Klaus e Sunny a raggiungere l'ultimo posto sicuro di V.F. oppure Olaf riuscirà a mandare di nuovo in fumo i loro piani?
A proposito di fumo, sento odore di bruciato.. Cos'è quella nuvola scura nel cielo?
Qualcosa sicuramente starà andando a fuoco..



Risultati immagini per il penultimo pericolo ibs

TITOLO: Una serie di sfortunati eventi - Il penultimo pericolo 
AUTORE: Lemony Snicket
EDITORE: Salani
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2007
PAGINE: 298
PREZZO (di copertina): 10,00 euro
GENERE: narrativa
---------------------------------------------
RECENSIONE DI: Alexis
VOTO: ★★★



Benvenuti all'Hotel Climax: ecco qui gli orfani Baudelaire - i concierge - pronti per eseguire varie mansioni per tutti gli ospiti dell'albergo.
I ragazzi in questo capitolo saranno accolti da Frank (o Ernest?), ma vengono subito messi in guardia da Kit Snicket: niente è come sembra, lo scisma che è avvenuto tra i V.F. ha trasformato gli amici in impostori e gli orfani avranno una missione difficilissima da svolgere.. scoprire chi tra gli ospiti dell'albergo si spaccia per Jacques Snicket.
La zuccheriera, un elemento fondamentale per le vicende di Violet, Klaus e Sunny, non deve assolutamente finire nelle mani sbagliate, quindi armatevi di sparafiocina e carta moschicida; tutti all'attacco!


Avete presente quel detto che recita "Tieniti stretti gli amici, ma ancora di più i nemici"?
Beh, i Baudelaire sembrano averlo preso un po' troppo sul serio perchè provate ad indovinare con chi si alleeranno gli orfani per sfuggire alle grinfie del Conte Olaf? Proprio col Conte Olaf!


Questa è davvero un'avventura strabiliante, non lasciatevela sfuggire.. se no sarà un grande sbaglio, sbaglio, sbaglio!


A presto con l'ultimo, attesissimo capitolo di questa sfortunatissima ma bellissima saga!

-Alexis

sabato 4 marzo 2017

Somnia

 


Titolo originale Before I Wake
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 97 min
Genere orrore, thriller
Regia Mike Flanagan
Sceneggiatura Mike Flanagan, Jeff Howard
Produttore Trevor Macy, William D. Johnson, Sam Englebardt






Interpreti e personaggi
Kate Bosworth: Jessie Hobson
Thomas Jane: Mark Hobson
Jacob Tremblay: Cody
Annabeth Gish: Natalie
Dash Mihok: Whelan
Jay Karnes: Peter
Antonio Romero: Sean
Justin Gordon: dott. Tennant


Trama
Jessie e Mark, in seguito alla tragica scomparsa del loro unico figlio, decidono di adottare il piccolo Cody, un dolce e amorevole bambino di otto anni. Ma Cody nasconde un inconfessabile segreto, che lo porta a essere terrorizzato alla sola idea di addormentarsi. In un primo momento la coppia crede che il suo passato tormentato sia la causa della sua avversione per il sonno, ma presto scoprono il vero motivo: i sogni di Cody si manifestano nella realtà mentre dorme, trasformandosi in veri e propri incubi.

Trailer


Opinione

Più che un Horror è una Favola dalle tinte Dark.

Jessie e Mark sono alla ricerca di un motivo per ricominciare, dopo la morte di loro figlio Mark, e riescono ad adottare Cody, un bimbo di otto anni, dolce e buono. Ma fin dalla prima notte capiscono che qualcosa non è normale con lui. Infatti Cody non vuole dormire.
Cercherà in tutti i modi per stare sveglio perché ha paura dei suoi sogni...o meglio, dei suoi incubi.
Perché ciò che sogna diventa reale.
Un potere unico e che tenterà Jessie, per poter vivere di nuovo accanto al suo bambino, anche se solo per un breve sogno....
Quello che ignora è che, come tutti, Cody non fa solo bei sogni e questo metterà tutti in pericolo, costringendo Jessie a capire chi sia questo bambino, indagando sul suo passato e le coppie che lo hanno adottato prima di loro...per arrivare alla natura dei suoi incubi.

Un racconto che alla fine si rivela molto dolce e triste, una storia di come gli occhi di un bambino vedono il mondo e le sue cattiverie.
Molto carino, lo devo ammettere.
Ben fatto e ben pensato, anche se avrei cambiato categoria.
Se volete avvicinarvi al mondo dell'horror, ma siete un po' fifoni, potrebbe fare per voi.
Per gli altri, resta una storia molto bella e piacevole.
Ne consiglio la visione.

giovedì 2 marzo 2017

La ragazza nel parco - Alafair Burke

TITOLO: La ragazza del parco
AUTORE: Alafair Burke
EDITORE: Piemme
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PAGINE: 311
PREZZO: 18,50 euro
GENERE: Thriller
-------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★★


Ogni generazione americana ha almeno un giorno in cui tutti dicono di ricordare dove si trovavano al momento della notizia. Pearl Harbor. L’assassino di Kennedy. L’11 settembre. […]

A New York, uno degli eventi più violenti e devastanti era stato il massacro della Penn Station. Fino a quel mattino di tre anni prima, ci muovevamo come una mandria oltre i tornelli e lungo le banchine dei nostri affollati sistemi di trasporto pubblico, lamentandoci dei treni in ritardo, delle borse sbattute in faccia o di un viaggiatore bisognoso di una doccia. Ma poi era scoppiata una sparatoria nel cuore della città all'ora di punta dei pendolari. Ciò che sembrava inimmaginabile, all'improvviso era parso inevitabile.

Quando un suo ex, Jack, viene accusato di triplice omicidio Olivia Randall, avvocato, viene contattata dalla figlia adolescente di Jack per dimostrarne l’innocenza. Nonostante non lo veda da moltissimi anni, precisamente da quando lo ha lasciato accetta il caso ma non sarà facile provare che non è colpevole.

lunedì 20 febbraio 2017

L'impero romano: potere e sangue

Titolo originale: L’impero romano: potere e sangue
Anno: 2016
Genere: Storico, documentario
Stagione: 1
Episodi: 6
Durata: 45 min (episodio)  
Interpreti e Personaggi: Aaron Jakubenko (Commodo), Edwin Wright (Cassio Dione), John Bach (Marco Aurelio), Genevieve Aitken (Marzia), Jared Turner (Cleandro), Calum Gittins (Sautero)
------------------------------------------
VOTO: ★★★

Per più di un secolo il Colosseo a Roma ha ospitato i giochi più cruenti e sanguinosi della storia dell’uomo. Protagonisti, i gladiatori romani. Alla fine del II secolo, il popolo romano partecipò a una nuova sfida. Per la prima volta nella storia un Imperatore combatterà sino alla morte.
Il regno di Commodo segnerà l’inizio della caduta della più grande civiltà sulla Terra.

domenica 19 febbraio 2017

The Conjuring 2 - Il Caso Enfield




Titolo originale The Conjuring 2
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 133 min
Genere orrore, thriller
Regia James Wan
Soggetto James Wan, Chad e Carey Hayes
Sceneggiatura James Wan, Chad e Carey Hayes, David Leslie Johnson





Interpreti e personaggi
Vera Farmiga: Lorraine Warren
Patrick Wilson: Ed Warren
Frances O'Connor: Peggy Hodgson
Madison Wolfe: Janet Hodgson
Simon McBurney: Maurice Grosse
Franka Potente: Anita Gregory
Lauren Esposito: Margaret Hodgson
Patrick McAuley: Johnny Hodgson
Benjamin Haigh: Billy Hodgson
Maria Doyle Kennedy: Peggy Nottingham
Simon Delaney: Vic Nottingham
Shannon Kook: Drew Thomas
Sterling Jerins: Judy Warren
Bonnie Aarons: suora demoniaca / Valak
Javier Botet: L'uomo Storto
Bob Adrian: Bill Wilkins
Abhi Sinha: Harry Whitmark

Trama
Tornano i coniugi Warren, investigatori del paranormale, per un nuovo terrificante caso da risolvere. Dopo il successo di pubblico e critica, arriva il secondo capitolo dell'horror pronto a lasciare tutti ancora una volta con il fiato sospeso fino all'ultimo secondo. Alla fine del 1977, con gli strascichi di Long Island che ancora li ossessionavano, i Warren si erano imposti una pausa di riflessione e si erano recati a Londra, dove dovettero affrontare un'entità demoniaca che si era insediata nella casa della famiglia Hodgson, nel popolare quartiere di Enfield. Quella che da molti era considerata una mistificazione, divenne uno dei casi più documentati nella storia del paranormale.


Trailer


Opinione

Dopo il primo ho atteso con ansia e paura un seguito, perchè poteva deludere ed esser fatto solo per soldi e non per passione (come troppo spesso capita).
Ma ero curiosissima, perchè quello che hanno realizzato con "L'Evocazione" era unico e stupendo...e sono stata fortunata, un film all'altezza del precedente capitolo, con una storia nuova, indipendente e forte.

In questa pellicola ritroviamo la famiglia Warren alle prese con una pausa forzata, perchè Loarrine non si è ripresa dall'ultimo caso e qualcosa che ha scoperto l'ha sconvolta profondamente.
Una minaccia che potrebbe abbattersi sui suoi cari.
Nel frattempo una famiglia a Londra si trova a doversi scontrare con qualcosa di inaspettato che infesta la loro casa. Una madre single con quattro figli da accudire da sola dopo che il padre se n'è andato lasciandoli soli e senza soldi. A peggiorare le cose, Janet (la secondogenita) inizia a sentire una presenza in casa che si impossessa di lei e ordina alla famiglia di andarsene. Questo fenomeno si ripresenta quando stanno facendo un'intervista alla famiglia e si pensa che lo sprito sia quello del vecchio proprietario della casa. Ma non è semplice.
Il Vaticano chiede ai Warren di indagare per capire meglio cosa stia succedendo per poi intervenire.
Lorraine accetta, ma solo a patto che anche Ed si tenga ai margini insieme a lei.
Insieme ad altri investigatori, alcuni più scettici, cercano di capire e risolvere il problema, ma....c'è molto di più nascosto nell'ombra.

Una storia interessante e davvero ben resa sullo schermo. Un lavoro di tutto lo staff che ha permesso a questa pellicola di poter raccontare qualcosa di bello, che tiene incollati allo schermo e in certe scene fa tremare (anche se non quanto la precedente).
Uno degli horror più belli dell'ultimo periodo e non vedo l'ora di guardare il terzo capitolo (già annunciato!).
Sui vari SpinOff non mi esprimo. Annabelle era osceno, ma ve ne parlerò.
In programma c'è qualcosa sulla Suora/Valak, ma finchè non lo vedo non giudico.

Consigliatissimo!!!

Ed ora che vi ho parlato di entrambi, sento proprio il bisogno di rivederli. Creano dipendenza, gli altri film non reggeranno il confronto, siete avvisati. 

sabato 18 febbraio 2017

The Conjuring - L'Evocazione




Titolo originale The Conjuring
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2013
Durata 112 min
Genere orrore, thriller
Regia James Wan
Sceneggiatura Chad e Carey Hayes
Produttore Rob Cowan, Tony DeRosa-Grund, Peter Safran





Interpreti e personaggi
Vera Farmiga: Lorraine Warren
Patrick Wilson: Ed Warren
Lili Taylor: Carolyn Perron
Ron Livingston: Roger Perron
Mackenzie Foy: Cynthia Perron
Joey King: Christine Perron
Shannon Kook: Drew Thomas
Shanley Caswell: Andrea Perron
Hayley McFarland: Nancy Perron
Kyla Deaver: April Perron
Sterling Jerins: Judy Warren
Joseph Bishara: Bathsheba
Lorraine Warren: studentessa

Trama
L'evocazione - The Conjuring è ispirato a eventi realmente accaduti, The Conjuring racconta la storia degli investigatori Ed e Lorraine Warren, chiamati ad aiutare una famiglia per liberare la loro casa da una presenza maligna. Il demone contro cui si troveranno a combattere terrorizza gli stessi Warren, che dovranno affrontare il caso più inquietante della loro vita.

 Trailer

Opinione

Un film che dalla prima volta che l'ho visto l'ho amato!
Davvero, una storia interessante, che ti tiene incollato allo schermo, che ti scuote; mai piatto o noioso, riesce a reggere per tutto il tempo senza mollare mai.
Una cosa unica viste le pellicole "horror" che sfornano ultimamente, noiose e banali.
Forse la sua forza è che parla di storie vere.
Certo, se crederci o no dipende dallo spettatore, ma sono davvero incredibili e non puoi fare a meno di chiederti se siano successe.
La regia, la sceneggiatura, gli attori, le musiche,.....tutto insieme crea qualcosa di unico e stupendo.
Credo sia diventato da subito il mio horror preferito! Senza discussioni, ha sgominato la poca concorrenza sul podio.



La storia inizia presentando Ed e Lorraine Warren, come sfondo un università dove fanno lezione, spiegando di cosa si occupano e cosa fanno, ovvero invesigare su fenomeni "paranormali", che vanno da casi di "possessione", "infestazione", e simili; per accurare se sono veri, e quindi necessitano di un intervento del Vaticano, oppure solo fenomeni diciamo "falsi" in cui le persone si fanno prendere dal panico per rumori normali di una casa vecchia, tanto per fare un esempio.
Nel frattempo viene presentata la famiglia Perron, composta di sette persone (padre, madre e 5 figlie) che si trasferisce in una villa nel Rhode Island.
Già da subito (l'ambientazione sperduta, una vecchia casa, il fatto che il cane non voglia entrare in casa,...) danno già segnali che qualcosa non è come dovrebbe.
Ma la famiglia è allegra e molto unita, e da questo nuovo inizio nè è esaltata.
Purtroppo ben presto da piccoli fenomeni inspiegabili (porte che si aprono da sole, la scoperta di un misterioso e nascosto scantinato, rumori strani,...) cresceranno fino a diventare un pericolo per le persone che vi abitano e la famiglia sarà costretta a contattare Ed e Lorraine per avere un loro parere riguardo a cosa stia accadendo alla loro casa, ma la risposta non sarà piacevole: infatti, dopo un breve sopralluogo, si rendono subito conto che la casa è infestata da una presenza assai maligna, oltre che da molti spiriti legati ad essa; e che purtroppo questi si sono attaccati alla famiglia, e non basterà quindi un semplice trascloco per lascarsi l'orrore alle spalle.
Dovranno investigare per trovare prove concrete per convincere il Vaticano ad approvare un Esorcismo sulla casa, ma li avvertono: solo con la loro presenza potrevvero far peggiorare molto le cose......
(Questa parte la trovate anche su Ciao.it, dove avevo già parlato del film tempo fa....visto che non lo rivedo da un po', mi sembra meglio lasciarla perchè racconta la trama senza dire troppo...)

L'unica piccola pecca è il finale, a mio parere troppo breve, e un po' prevedibile, che ti lascia quasi spiazzato: un crescendo di tensione e in 5 minuti si conclude tutto.
Mi sono trovata a dire "Tutto quì?!" davanti ai titoli di coda.
Ma per due ore piene, posso passarci oltre. Come ho detto è proprio una piccola pecca.
Consigliatissimo!!!

venerdì 17 febbraio 2017

Cinquanta sfumature di....orrore!


Premetto che sarò totalmente sincera e non me ne frega nulla se per qualcuno di voi sia il capolavoro assoluto, la storia d'amore più bella del mondo..... 
fa cagare!
Come pellicola e (sopratutto) come contenuti.
E ne parlerò in questi termini, senza filtri, quindi: sappiatelo! 

Se volete discutere, contattatemi e lo farò volentieri. 
Non accetto però polemiche sterili nei commenti, soprattutto 
se più di "Ma sei tu che non lo capisci, lei lo ama" non sapete argomentare.
Ps. Per quelli che credono che sia amore, fatevi vedere da qualcuno di bravo!

Detto ciò, non mi scaglio contro chi ha un cervello e lo guarda anche con occhio critico, perchè i gusti sono gusti...ma di partenza non doveva essere proprio girato o almeno modificato in moltissime parti, perchè nelle mani di chi è influenzabile o giovane poi può finir male. 
Stalking e possessività non sono sinonimi di amore, nessuno guarisce magicamente e nessuno cambia per nessuno. Mai.
Punto.

martedì 14 febbraio 2017

La vita perfetta - Reneé Knight

TITOLO: La vita perfetta
AUTORE: Reneé Knight
EDITORE: Piemme
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PAGINE: 283
PREZZO: 19,50 euro
GENERE: Thriller
--------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★★

Che cosa fareste se un giorno vi ritrovaste per casa un libro, non sapete chi lo ha mandato ma la storia che narra è la vostra storia, il vostro più grande segreto?

Beh, è quello che capita alla protagonista di questo avvincente thriller, Catherine, che si ritrova improvvisamente tra le mani un romanzo che racconta il suo più grande segreto. Un segreto che ha tenuto nascosto per moltissimo tempo. E ora, eccolo là, spiattellato davanti a tutti. E, come se non bastasse, lo stesso libro viene fatto avere anche al figlio. Così, la sua vita perfetta viene messa in crisi. Chi lo ha scritto? Come fa ad essere a conoscenza di quegli eventi? E perché sta facendo tutto questo?

lunedì 13 febbraio 2017

Reign

Titolo originale: Reign
Paese: Stati Uniti
Anno: 2013-2017
Genere: Storico
Stagione: 4
Episodi: 78
Durata: 48 min (episodio)  
Ideatore: Laurie McCarty, Stephanie Sengupta
Interpreti e Personaggi: Adelaide Kane (Maria Stuart), Megan Follows (Caterina de’ Medici), Torrance Coombs (Sebastien de Poitiers), Toby Regbo (Francesco)
--------------------------------
VOTO: ★★★

Questa meravigliosa serie, ambientata nella seconda metà del 1500, narra le vicende di Maria Stuart dal momento in cui, in fuga dagli Inglesi, lei e le sue dame di compagnia raggiungono il castello della corte francese. Infatti, per rafforzare la forza militare della Scozia, Maria ha stretto un’alleanza con la Francia che stabilisce, tra le altre cose, che lei sposi Francesco, il delfino di Francia.

Maria e Francesco

domenica 12 febbraio 2017

The Skeleton Key


Titolo originale The Skeleton Key
Paese di produzione USA
Anno 2005
Durata 104 min
Genere orrore, thriller
Regia Iain Softley
Soggetto Ehren Kruger
Sceneggiatura Ehren Kruger
Fotografia Dan Mindel
Montaggio Joe Hutshing
Effetti speciali Matt Sweeney
Musiche Ed Shearmur
Scenografia John Beard



Interpreti e personaggi
Kate Hudson: Caroline
Gena Rowlands: Violet
Peter Sarsgaard: Luke
Joy Bryant: Jill
John Hurt: Ben
Maxine Barnett: Mama Cynthia
Fahnlohnee R. Harris: Hallie


Trama
Caroline ha venticinque anni e, dopo aver assistito alla morte di suo padre senza tentare di fare qualcosa per lui, ha lasciato il suo lavoro di manager di gruppi rock e si è totalmente fatta assorbire da un altro tipo di impiego che consiste nel prendersi cura di persone disagiate che hanno subito danni o maltrattamenti, e di malati terminali. Caroline si trasferisce in Louisiana dove deve occuparsi di Ben che, dopo un misterioso incidente, è rimasto semiparalizzato e non riesce più a parlare. La casa dove Ben vive con sua moglie Violet ha una strana atmosfera e Caroline ha la sensazione che tra le mura domestiche si nasconda qualche segreto. Infatti quando un giorno, con una chiave che le ha dato Violet, apre la porta di una stanza segreta nascosta da una libreria in fondo alla soffitta e vi trova dei resti di sangue, capelli e altri accessori necessari per i riti voodoo. Violet si mostra sorpresa della scoperta, ma Caroline è sicura che il trauma di Ben sia nato in quella stanza, dove si nasconde un terribile segreto...
 
Trailer

Opinione

Un film che non rivedo da molto tempo, quindi ve ne parlerò brevemente per evitare di fare Spoiler involontari.
Mi è rimasto impresso, perchè è piuttosto bello, una storia interessante e ben costruita che alla fine sciocca per cosa si scoprirà, facendo capire tutto allo spettatore solo agli ultimi minuti che lo lasceranno a bocca aperta.
Ne parlo perchè mi è venuto in mente dopo aver visto "Oscure Presenze" (o "Jessabelle"), una versione più banale e noiosa di questa pellicola.

Una giovane ragazza ha deciso di dedicare la sua vita alle persone bisognose e per lavorare va in Luisiana a fare da badante ad un anziano che è rimasto quasi paralizzato e non parla dopo un misterioso incidente. La moglie ha modi molto bruschi, anche con lei, ed il marito tenta di farle capire qualcosa, ma Caroline fatica a comprenderlo.
Ma ben presto altre stranezze si uniranno, perchè alla giovane viene dato un passepartout (ovvero "Skeleton Key") e scopre in soffitta cose molto strane, in particolare una porta che non si apre e che la incusiorisce molto. Quando finalmente riesce ad aprirla scopre qualcosa, un mondo in cui non avrebbe mai dovuto mettere piede. Il Voodoo.
La sua migliore amica la avverte di smetterla di indagare, perchè questa religione può fare davvero male, ma solo a chi ci crede. E se andrà avanti, potrebbe finire in grossi guai.
Ma Caroline non si ferma, vuole capire cosa è stato fatto a Ben e ciò la porterà a scoprire qualcosa di molto antico e malvagio che ancora occupa quella casa.

Una storia che ti tiene incollato al video e fino all'ultimo non puoi sapere come andrà a finire.
Piccoli tasselli si inseriscono, ma solo alla fine il puzzle sarà completo e si comprenderà il tutto.
Davvero una bella storia, propriamente non un horror che terrorizza, più psicologico, lascia una sottile paura, un brivido leggero che fa pensare al "potrebbe capitare davvero?".
Consigliatissimo!

(Trovate questa opinione anche su Viaggiatrice Pigra

sabato 11 febbraio 2017

Oscure Presenze (o Jessabelle)




Titolo originale Jessabelle
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2014
Durata 90 min
Genere orrore
Regia Kevin Greutert
Sceneggiatura Robert Ben Garant
Produttore Jason Blum, Peter Principato, Paul Young





Interpreti e personaggi
Sarah Snook: Jessie
Joelle Carter: Kate
Mark Webber: Preston
David Andrews: Leon
Ana de la Reguera: Rosaura
Chris Ellis: Sceriffo Pruitt
Brian Hallisay: Mark
Vaughn Wilson: Moses
Larisa Oleynik: Sam
Fran Bennett: Mrs. Davis
Paul Garrett: Christophe
Barbara Weetman: Infermiera
Lucius Baston: Mr. Woods

Trama
Dopo un terribile incidente d'auto che l'ha ridotta in sedia a rotelle e che ha ucciso il suo fidanzato Jessie, bisognosa di assistenza, torna nella casa natale in Louisiana, dove vive il padre vedovo. Dopo il ritrovamento di alcune videocassette lasciatele dalla madre morta, la ragazza inizia ad essere perseguitata da una strana presenza.

Trailer

Opinione
Noia, noia, noia!
Una trama banale, che non rende nulla sullo schermo.
Ci sono alcune piccole scenette "vedo/non vedo" che mettono qualche brivido, ma nulla di più.
Gli attori non mi hanno convinto, la storia è piatta e scontata...l'unico elemento interessante sono le videocassette che ogni tanto appaiono e mostrano la madre alla figlia.

Vi chiedo già scusa per la recensione cinica, ma persino mia mamma (che odia gli horror) c'è rimasta male, dopo un'ora e mezzo di pezzi (spesso inutili) messi a caso che alla fine la protagonista unirà, ma a cui lo spettatore arriva molto prima.
Non metterò Spoiler, nel caso qualcuno poi sia curioso di scoprire il finale. Se non vi importa, scrivetemi in privato e vi racconto tutto. 

La storia parte da una coppia, che si ama, aspetta un figlio e sta per andare a vivere insieme.
Un sogno. Peccato che il ragazzo si distrae (in mezzo ad una strada) per guardarla ed un enorme camion li investe.
Lei perde il bambino e ha subito fratture alle gambe che necessiteranno di molto tempo prima che possa tornare a camminare. L'unico parente da cui possa andare a stare è il padre, che vive nei pressi di una palude/lago (non si capisce molto).
Alcolista, non molto sano di mente, schivo, isolato. Ma in teoria siamo in una piccola cittadina dove è cresciuta Jess (dicono da una zia che poi è morta, ma non si capisce neanche quello).
La madre è morta poco dopo la sua nascita e ha lasciato una cicatrice nel padre, o sembrerebbe, dalle sue reazioni, che però spesso non sono coerenti.

Jess un giorno trova delle cassette dove la madre (incinta) le parla, ma il padre non vuole che lei le veda, dicendole che le era stato scoperto il cancro al cervello quando era incinta, non ha voluto prendere farmaci per far nascere la creatura che portava in grembo, la sua mente ne ha risentito e poi ne è morta. Infatti durante le registrazioni fa delle letture delle carte per predirle il futuro, ma vede qualcosa di grave, ed ogni video peggiora sempre di più.
Ovviamente lei ne è influenzata e durante la notte sente una strana presenza che sente in casa non la aiuta....

Ovviamente i fatti sono collegati. La presenza, la sua famiglia, quel luogo che l'attendeva,....
Tutto legato al voodoo o una religione simile, che la madre accenna durante i video.

Una versione scadente, banale e mediocre di "The Skeleton Key", questa è stata la mia prima impressione dopo averlo finito di vedere. Anzi, la seconda. Dopo aver pensato "Ma che diavolo ho visto?"

Ripeto, una pellicola che si poteva evitare o fare molto meglio.
La storia di base c'è, ma non regge. Non fa paura.
Deludente.

(Trovate questa opinione anche su Viaggiatrice Pigra)