mercoledì 16 agosto 2017

Storia d'inverno - Mark Helprin

TITOLO: Storia d’inverno
AUTORE: Mark Helrpin
EDITORE: Neri Pozza
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2014
PAGINE: 846
PREZZO: 18,00 euro
GENERE: Narrativa
-----------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★


Peter Lake è un ladro. Un ladro nella Manhattan dei primi del Novecento in cui la guerra tra bande regala ogni mattina un mucchio di cadaveri a Five Points sul fronte del porto e in luoghi insoliti come campanili, collegi femminili e magazzini di spezie. Peter lavora in proprio, e perciò non interessa più di tanto alle forze dell'ordine sguinzagliate contro il grande crimine. Sta particolarmente a cuore, invece, ai Coda Corta, una dozzina di sgherri guidati dal feroce Pearly Soames. Pearly ha occhi lucidi e argentei simili a lame di rasoio e una cicatrice che gli solca il viso dall'angolo della bocca all'orecchio. E un criminale e, come tutti i criminali, vuole oro e argento, ma non per amore della ricchezza alla maniera di volgari rubagalline. Li vuole perché brillano e sono puri. Affascinato dai colori, legge i giornali e i cataloghi delle aste, e capeggia i Coda Corta giusto per trafugare opere d'arte "degne di lui", importate dall'Europa a bordo di lussuosi panfili. Il campo di manovra è troppo ristretto e la posta in gioco troppo alta perché Pearly Soames possa tollerare la presenza di Peter Lake a Manhattan. Avvezzi come sono all'omicidio e alla corruzione, i suoi Coda Corta l'avrebbero eliminato da un pezzo, se il ladro non avesse un prezioso alleato: un cavallo che sembra una statua eroica, un enorme monumento bronzeo, capace di balzi strabilianti, voli di sei metri di lunghezza e due e mezzo di altezza.

sabato 12 agosto 2017

The chemist - Stephenie Meyer

TITOLO: The chemist
AUTORE: Stephenie Meyer
EDITORE: Rizzoli
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PAGINE: 540
PREZZO: 20 euro
GENERE: Thriller
-------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★


Chi l’aveva condannata a morte temeva ciò che sapeva, ma non aveva mai avuto paura di lei. Forse era ora che le cose cambiassero

Alex, o meglio Juliana, lavorava per il governo degli Stati Uniti. Ora, però, quello stesso governo le dà la caccia per ucciderla motivo per cui è costretta a spostarsi in continuazione e a cambiare sempre nome. Dopo qualche anno in fuga il suo ex capo le offre la possibilità di vivere finalmente una vita tranquilla in cambio di un ultimo lavoro perché lei è la migliore nel suo campo: è una torturatrice. Tuttavia, quello che sembrava un lavoro semplice si trasforma in una trappola e lei farà tutto ciò che può per vendicarsi.

sabato 5 agosto 2017

Neon Demon







Paese di produzione Francia, Stati Uniti d'America, Danimarca
Anno 2016
Durata 118 min
Genere orrore, thriller
Regia Nicolas Winding Refn
Soggetto Nicolas Winding Refn








Interpreti e personaggi
Elle Fanning: Jesse
Jena Malone: Ruby
Bella Heathcote: Gigi
Abbey Lee: Sarah
Karl Glusman: Dean
Desmond Harrington: Jack McCarther
Christina Hendricks: Roberta Hoffman
Keanu Reeves: Hank
Charles Baker: Mikey
Alessandro Nivola: Robert Sarno
Jamie Clayton: direttrice casting

Trama
Quando l'aspirante modella Jesse si trasferisce a Los Angeles, la sua giovinezza e vitalità vengono fagocitate da un gruppo di donne ossessionate dalla bellezza e disposte ad usare ogni mezzo per prenderle ciò che ha.

Trailer


Opinione

OSCENO!

Mi spiace ma è un film assolutamente noioso, banale e che non ha nulla di horror.
Non so cosa avessero in mente, ma non trasmette nulla a chi lo guarda.
La trama mi incuriosiva: un horror nel mondo della moda sembrava qualcosa di interessante e nuovo, con il pizzico di curiosità rappresentato da una nuova ragazza che entra in questo ambiente che (si sa) non perdona.

Invece due ore di rotture di balle
Trama inesistente.
Una fotografia pressante e seccante (che forse voleva essere un punto forte, ma si rivela l'ennesimo motivo per sbattere la testa al muro).
Personaggi piatti, banali, stereotipati.
Insomma: non si salva NULLA.
Non guardatelo!

Vi racconto la storia
La protagonista è una ragazzina di sedici anni, rimasta orfana, che decide di diventare una modella per poter guadagnare dei soldi a Los Angeles.
E già qui uno si fa due domande: ha già lavorato? E' sveglia, per cavarsela in questa metropoli?
NO!
E' una patata! (e sono buona)
Ovviamente lei è bella-bellissima, una cosa che paralizza chiunque la trovi davanti e li fa innamorare di lei all'istante, portandola dal nulla all'attenzione di fotografi che non esitano a volerla.
Totalmente ingenua e vergine (in ogni senso), che fa venire quasi il nervoso a vederla muoversi in questo mondo come se galleggiasse sopra a tutto il resto, come se la "sporcizia" non la toccasse.
Realismo pari a zero.

E (di nuovo) ovviamente si troverà in mezzo a delle modelle con la data di scadenza quasi arrivata, che sentendo il ticchettio avvicinarsi e non potendo impedire l'età di avanzare (nonostante sempre maggiori ritocchi estetici) diventano super gelose di questa ragazzina, che non si è ancora accorta di quando possano essere serpi quelli di quel mondo e non mette in dubbio niente di queste donne.

Già dalla prima scena si capisce che Ruby, una truccatrice, diventa amica di Jesse solo per potersela fare (è lampante!). Mentre Gigi e Sarah (le due "amiche al silicone") ogni tanto compaiono attorno a lei e non possono fare a meno di sfotterla, facendo le superstar grandi e vissute, quando ormai nessuno se le caga più.
In un mondo di corpi copia-incolla, tutti che cercano la perfezione in ogni modo, la lotta è spietata.
Ma Jesse è oltre tutto questo, per lei non esiste, lei è "la perfezione" e quindi non si pone il minimo problema riguardo a nulla.

Sarà solo verso la metà del film che, come per uno schiocco di dita, la nostra Jesse si sveglia e passa da timida campagnola, a modella che se la tira, con tanto di "loro vogliono essere me".
Ma è una fase, perché torna lobotomizzata la scena dopo.

Non poteva mancare il lato brutale maschile, rappresentato dal proprietario del motel dove vive Jess (un Keanu Reeves molto triste e piatto, in questa veste da padrone di casa che si sbatte le ragazzine). A contrapporsi a lui un bravo ragazzo, che non batte ciglio quando alla prima uscita lei si tira indietro perché non se la sente di baciarlo (timida ed impacciatissima, ricordate?), anzi, le continua a stare intorno, premuroso e gentile, pagandole i debiti ed aiutandola...fino a quando lei si rende conto di essere irresistibile e lo scarica in modo orribile.

Per chiudere il tutto?
Jesse scappa a casa di Ruby per poter rilassarsi (capendo che del padrone di casa "forse" non può fidarsi), ma lei ci prova arrivando quasi allo stupro e rimanendo scioccata quando lei la rifiuta.
Lo vede come un qualcosa di inaccettabile e inizia a perdere il cervello (del tipo "nessuno può dirmi di no").
C'è anche una scena (fatta malissimo!) dove Ruby, che fa la truccatrice anche in un obitorio, si immagina la donna stesa sul tavolo come Jesse e se la scopa.
Cambia scena e Jesse viene attaccata da una delle due "amiche al silicone" che la rincorre con un coltello per ammazzarla, ma finisce nel nulla. (Scena inutile)

Per finire con le tre donne che la portano sul bordo di una piscina vuota e la spingono giù, uccidendola (prevedibilissimo, dal primo istante in cui si vede la piscina).
Poi le siliconate scopano in doccia mentre si levano il sangue di dosso mentre Ruby fa il bagno nel sangue di Jesse. (Il senso di tutto ciò? Non ne ho idea)

Stacco e si riparte con un servizio fotografico, dove una delle due modelle (una delle siliconate) impazzisce, scappa piangendo e volendo "tirar fuori Jesse", così vomita un occhio intero e poi si pianta delle forbici nello stomaco, il tutto sotto lo sguardo di un'altra modella che resta impassibile...anzi! Prende l'occhio e se lo mangia, prima di tornare sul set.
Paura? Disgusto?
Per niente!
Solo schifo per aver perso tempo con questo obbrobrio.

martedì 1 agosto 2017

Una serie di sfortunati eventi (libro 13) - Lemony Snicket


Risultati immagini per la fine lemony snicketTITOLO: Una serie di sfortunati eventi - La fine 
AUTORE: Lemony Snicket
EDITORE: Salani
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2008
PAGINE: 270
PREZZO (di copertina): 10,00 euro
GENERE: narrativa
---------------------------------------------
RECENSIONE DI: Alexis


VOTO: ★★★

Ed eccoci qui a parlare dell'ultimo capitolo della saga più sfortunata del mondo!
Dove eravamo rimasti? Ah sì, gli orfani Baudelaire erano scappati col Conte Olaf.. prima che vi vada il coridiale di cocco di traverso vi devo avvisare che sì, è tutto vero: Violet, Klaus e Sunny sembrano essersi "alleati" col loro nemico numero uno e stanno fuggendo a bordo della Carmelita. Dove li porterà la corrente?
Su Olaflandia! In realtà sbarcano su un'isola dove trovano una ragazzina di nome Venerdì ad accoglierli la quale, con grande sollievo dei fratelli, non trova simpatico il Conte Olaf e lo manda via in malo modo. I tre ragazzi, rimasti finalmente soli, possono conoscere gli altri abitanti dell'isola, tra i quali spicca Ismaele, il facilitatore dell'isola.

Agli orfani non sfugge che gli abitanti dell'isola sono soggiogati da Ismaele, ma sembrano essere abbastanza contenti della loro vita: ogni volta che c'è una tempesta, loro hanno il compito di cercare tra i relitti oggetti interessanti e portarli a Ismaele. Facile, no? "Dipende dai punti di vista", direbbe una persona di mia conoscenza..
Isma non fa altro che scartare ciò che gli isolani trovano tra i relitti e - orrore! - non fa tenere nessun libro sull'isola.. un comportamento un po' losco, non credete?
Un giorno la tempesta porta due inaspettati visitatori: il Conte Olaf (credevate che fosse finita qui?) e Kit Snicket. Anzi, forse tre: vi ricordate della Vipera Incredibilmente Letale? Ecco, proprio lei diventerà una preziosa alleata per i tre fratelli: insieme scopriranno un segreto che Isma ha sempre tenuto nascosto dal primo momento in cui li ha visti..

Ce la farà il Conte Olaf ad attuare il suo terribile piano finale?


domenica 30 luglio 2017

Il problema è che ti amo - Jennifer L. Armentrout

TITOLO: Il problema è che ti amo
AUTORE: Jennifer L. Armentrout
EDITORE: Nord
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PAGINE: 440
PREZZO: 16,90 euro
GENERE: Narrativa
-------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★


Mallory non ha avuto un passato facile. Il suo vecchio padre affidatario era spesso violento e lei per evitare di prenderle era costretta a nascondersi o a restare in silenzio. E, anche se ora sono passati anni da allora e nonostante ora abbia due genitori che tengono realmente a lei, quella situazione l’ha fortemente traumatizzata tanto che ha molte difficoltà a palare con le persone.
Questo l’ha portata a prendere lezioni private per quattro anni ma, poiché è decisa a frequentare il college, Rosa e Carl, i suoi genitori adottivi, hanno ben pensato di farle fare una prova con l’ultimo anno di liceo. E, proprio il primo giorno di scuola, al corso di comunicazione, incontra niente di meno che Rider Stark, il ragazzo che è cresciuto nella sua stessa casa (anche lui in affido) e che la difendeva dal padre violento. Per ben 4 anni non ha avuto suo notizie ma ora che si sono rincontrati non sarà facile separarli.

domenica 23 luglio 2017

Le cronache dell'Accademia shadowhunters - Cassandra Clare

TITOLO: Le cronache dell’Accademia
AUTORE: Cassandra Clare, Sarah Rees Brennan, Maureen Johnson, Robin Wasserman
EDITORE: Mondadori
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2017
PAGINE: 643
PREZZO: 19,90 euro
GENERE: Urban fantasy
--------------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★


“Siamo tutti il risultato di ciò che ci ha resi il passato” gli rispose Catarina. “L’accumulo di migliaia di scelte quotidiane. Possiamo cambiare noi stessi, ma mai cancellare quello che siamo stati”

Dopo aver perso tutti i suoi ricordi Simon decide di entrare nell'Accademia degli Shadowhunters per diventare lui stesso un cacciatore di demoni. In questo modo spera anche di riuscire a trovare se stesso.

lunedì 10 luglio 2017

Voli acrobatici e pattini a rotelle a Wink's Phillips Station

TITOLO: Voli acrobatici e pattini a rotelle a Wink’s Phillips station
AUTORE: Fannie Flagg
EDITORE: BUR
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2015
PAGINE: 393
PREZZO: 10 euro
GENERE: Narrativa
--------------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★


Di sicuro quello era solo un terribile incubo, la mattina dopo si sarebbe svegliata e tutto sarebbe tornato alla normalità. Non poteva essere vero.

Dopo il matrimonio della figlia, Sookie spera finalmente di godersi un po’ di riposo ma, un giorno, si vede recapitare una lettera dalla figlia dell’ex governante di sua madre in cui scopre di essere stata adottata. Per lei sarà un vero e proprio shock.

sabato 8 luglio 2017

La grande scommessa

TITOLO: La grande scommessa
REGIA: Adam McKay
DURATA: 130 min
DISTRIBUZIONE: Universal Pictures
ANNO DI USCITA: 2015
GENERE: Biografico, Commedia
INTERPRETI: Christian Bale (Michael Burry), Steve Carell (Mark Baum), Ryan Goslin (Jared Vennett), Brad Pitt (Ben Rickert), Selena Gomez, Margot Robbie, Karen Gillan (Evie)
------------------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★

Tratto da una storia vera, questo film narra le vicende di tre gruppi di persone che, nel 2005, riuscirono a prevedere la crisi economica del 2008.

domenica 2 luglio 2017

Elisabetta I, Carolly Erickson

TITOLO: Elisabetta I – La vergine regina
AUTORE: Carolly Erickson
EDITORE: Mondadori
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2000
PAGINE: 356
PREZZO: 15,50 euro
GENERE: Biografico
----------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO:★★★

Eliza is the fairest Queene,
That ever trod upon this greene.
Elizaes eyes are blessed starres,
Inducing peace, subduing warres.
Elizaes hand is christal bright,
Her wordes are balme, her lookes are light.
Elizaes brest is that faire hill,
Where Vertue dwels, and sacred skill,
O blessed bee each day and houre,
Where sweet Eliza builds her bowre.

(Elisa è la più augusta sovrana / che mai mise piede su questa terra. / Gli occhi di Elisa sono stelle lucenti, / recano la pace, placano la guerra. / Le mani di Elisa sono lucido cristallo, / le se parole sono balsamo, i suoi sguardi brillanti. / I seni di Elisa sono dolci colline, / ove abitano Virtù e sacre qualità, / siano santificati ogni giorno e ogni ora, / laddove Elisa crea la sua dimora.) 

martedì 27 giugno 2017

Carve the mark - Veronica Roth





TITOLO: Carve the mark
AUTORE: Veronica Roth
EDITORE: Mondadori
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2017
PAGINE: 427
PREZZO: 15,90€
GENERE: Fantasy/distopico
-------------------------------------
RECENSIONE DI: Alexis
VOTO: ★★★☆ e mezzo






Carve the mark è il nuovo libro di Veronica Roth, la fortunatissima autrice della serie Divergent: quando mi sono approcciata alla lettura di questo nuovo volume avevo tante aspettative; credevo di trovare personaggi interessanti e ben sviluppati come Tris e Quattro e delle meravigliose avventure in un nuovo universo.. beh, devo ammettere che non ho girato l'ultima pagina pienamente soddisfatta.

Partiamo dalla trama: siamo in una galassia lontana dove ogni persona ha un donocorrente, ovvero un potere che lo rende unico e particolare fra tutti gli altri abitanti di Thuvhe. In questo pianete convivono molto poco serenamente i thuvhesiti, ai quali appartiene  il protagonista maschile Akos, e gli shotet, cui invece appartiene Cyra, la protagonista femminile.
Akos e Cyra possiedono dei doni molto peculiari che, soprattutto nel caso della ragazza, vengono visti come un fardello da portare dolorosamente giorno dopo giorno: Cyra può trasmettere dolore agli altri attraverso il contatto fisico; per questo motivo viene usata come arma prima dal padre poi dal fratello, Ryzek. Akos invece ha il potere di neutralizzare il dono di chi si trova di fronte a lui, con un semplice tocco della mano.
I due ragazzi, però, hanno in comune un'altra cosa: entrambi possiedono anche un fato e per questo vengono chiamati i predestinati: i fati sono da prendere molto seriamente perché mutano radicalmente le sorti di chi li porta; è un po' come si e ti rivelassero il futuro, senza poter chiaramente cambiare nulla di quello che ti è stato predetto. 

La vicenda comincia a farsi interessante quando Akos e suo fratello Eijeh vengono rapiti da alcuni guerrieri shotet perché i loro fati vengono sorprendentemente rivelati: i due vengono portati al cospetto di Ryzek che farà diventare Akos il servo di sua sorella Cyra; grazie al suo dono, infatti, il ragazzo può lenire le sue sofferenze.
Ad Eijeh tocca una sorte ben peggiore: essendo il futuro oracolo del pianeta rimarrà sempre al fianco del tiranno Ryzek, il quale lo userà per evitare e tutti costi il suo temutissimo fato.