lunedì 9 ottobre 2017

La corona di mezzanotte - Sarah J. Maas

TITOLO: La corona di mezzanotte
AUTORE: Sarah J. Maas
EDITORE: Mondadori
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PAGINE: 429
PREZZO: 12,50 euro (prezzo riferito all'edizione in brossura)
GENERE: Fantasy
-------------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO:★★★★★

Celaena, dopo aver vinto la gara per diventare la paladina del re, ha iniziato a uccidere per conto della corona o, almeno, questo è quello che lascia pensare. In realtà, offre alla sue vittime la possibilità di sparire fingendo la loro morte e, finora, nessuno ha rifiutato questa opportunità. E, oltre al fatto che l’ultimo nome consegnatole dal re si tratta di un vecchio amico di Celaena, lei deve fare anche i conti con qualcosa che si aggira nel castello.

lunedì 2 ottobre 2017

The Exorcist: La Seconda Stagione!




Titolo originale The Exorcist
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2016 – in produzione
Genere drammatico, thriller, horror
Stagioni 2
Episodi 20
Durata 45 min (episodio)
Ideatore Jeremy Slater






Interpreti e personaggi (per ora!)
Alfonso Herrera: Padre Tomàs Ortega
Ben Daniels: Padre Marcus Keane
(Alcuni Nuovi Personaggi)
Andrew Kim: John Cho
Rose: Li Jun Li
Verity: Brianna Hildebrand
Caleb: Hunter Dillon
Grace: Amélie Eve
Shelby: Alex Barima
Truck: Cyrus Arnold



 

Venerdì 29 Settembre è andato in onda il primo episodio della seconda stagione di questa serie che ha lasciato il suo segno nel pubblico.
La prima stagione (potete trovare la mia opinione qui) si era conclusa con uno spiraglio, una porta aperta per un seguito. E hanno fatto bene.
Per chi ancora non l'avesse vista, cercherò di evitare Spoiler il più possibile, ma per alcune cose sarà impossibile.




In ogni caso, a termine della precedente stagione avevamo lasciato una situazione più "conosciuta", possiamo dire: una famiglia dall'apparenza perfetta e qualcosa che si mette in mezzo, portando uno dei membri vicino alla possessione e a lottare per la sua anima.
Abbiamo conosciuto Padre Tomàs Ortega (Alfonso Herrera) che tenta di tutto per aiutare questa famiglia e Padre Marcus Keane (Ben Daniels), un esorcista costretto a mettersi da parte dalla Chiesa ma con uno spirito ribelle che lo porterà ad aiutare Tomàs.

Alla fine della prima stagione li avevamo visti andare via insieme, dopo essersi scontrati con un'entità davvero forte e molti altri problemi più subdoli che erano saltati fuori durante le puntate.
Tomàs infatti chiede a Marcus di insegnargli a diventare un'esorcista. Non vuole restare a Chicago, non gli importa di restare un pastore e di poter far "carriera", vuole scontrarsi ancora con il male e portare il bene.

Non voglio rovinarvi nulla di questa nuova stagione, vi dirò solamente che la storia viene presentata.
Sono passati sei mesi rispetto agli eventi della precedente stagione e Marcus e Tomàs viaggiano praticando esorcismi, anche dove non sono ben voluti.
(Rumors dicono che rivedremo altri personaggi della prima
stagione. )

Nel frattempo viene presentata una Casa Famiglia su un'isola a Seattle, dove Andrew sta cercando di far vivere in pace cinque ragazzi dal passato tormentato:
Verity (la ribelle), Shelby (un ragazzo molto religioso), TruckCaleb (non vedente), Grace (la più piccola della "famiglia" e l'ultima arrivata).

No, non vi dirò di più a riguardo, perché ci sono piccoli colpi di scena che vanno visti ed apprezzati senza saperne nulla prima.

Intanto sono stata colpita in positivo, e molto!, da questo primo episodio. Spero continui così, perché resta una serie interessante, nonostante gli alti e bassi che mi avevano portato a non apprezzarla totalmente (fino ad ora).
Vedremo che lavoro è stato fatto per questa seconda stagione.
Incrociamo le dita!
 
- ViaggiatricePigra

Noi siamo tutto

LIBRO
TITOLO: Noi siamo tutto
AUTORE: Nicola Yoon
EDITORE: Sperling & Kupfer
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2017
PAGINE: 305
PREZZO: 17,90 euro
GENERE: Young Adult
------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO:★★★★★



FILM

TITOLO: Noi siamo tutto
REGIA: Stella Meghie
DURATA: 96 min
ANNO DI USCITA: 2017
GENERE: Drammatico, sentimentale
INTERPRETI: Amanda Stenberg (Madeline), Nick Robinson (Olly), Anita Noni Rose (Pauline Whittier), Ana de la Reguera (Carla)
------------------------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★





La mia patologia è tanto rara quanto famosa. Si tratta della SCID, la sindrome da immunodeficienza combinata grave, ma è conosciuta anche come “sindrome del bambino nella bolla”. In poche parole, sono allergica al mondo. Qualunque cosa può innescare l’acuirsi della malattia, che siano le sostanze chimiche presenti nel detergente usato per pulire il tavolo che ho appena toccato, il profumo di qualcuno, le spezie esotiche nella pietanza che ho appena mangiato. Possono entrare in gioco uno, tutti o nessuno di questi fattori, oppure qualcosa di completamente diverso. Nessuno conosce le cause scatenanti, ma tutti conoscono le conseguenze. A detta di mia madre, quand'ero molto piccola sono quasi morta, per cui la mia è una situazione davvero critica. Non esco mai di casa, non l’ho mai fatto in diciassette anni.


venerdì 29 settembre 2017

Philomena - Martin Sixsmith

TITOLO: Philomena
AUTORE: Martin Sixsmith
EDITORE: Piemme
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2009
PAGINE: 457
PREZZO: 18,50 euro
GENERE: Biografico
-------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★★


Nel 1952 Philomena, una giovane ragazza irlandese, rimane incinta e, poiché è una cosa considerata inaccettabile per una ragazza nubile di quel tempo, viene inviata in un convento dove dà alla luce un bambino, Anthony. Resta con lui per 3 anni, tempo che le suore chiedono come “pagamento” per l’ospitalità. Finché, un giorno, non le impongono di firmare dei documenti che servono per dare in adozione Anthony a una famiglia americana. Da anziana, Philomena si rimetterà sulle sue tracce.

Big Little Lies

Titolo originale: Big Little Lies
Paese: Stati Uniti
Anno: 2017
Genere: Dramma, Thriller, Commedia
Stagione: 1
Episodi: 7
Durata: 60 min (episodio)  
Ideatore: David E. Kelley
Interpreti e Personaggi: Nicole Kidman (Celeste Wright), Resee Witherspoon (Madeleine Mackenzie), Shailene Woodley (Jane Chapman), Alexander Skarsgard (Perry Wright), Laura Dern (Renata Klein), Adam Scott (Ed Mackenzie), Zoe Kravits (Bonnie Carlson), James Tupper (Nathan Carlson), Jeffrey Nordling (Gordon Klein).
__________________________________
RECENSIONE DI: Roby
VOTO★★★★



Big Little Lies è una miniserie americana, ispirata all’omonimo libro, (Piccole grandi bugie di Liane Moriarty, edizione italiana Mondadori) composta da sette puntate e mandata in onda negli Stati Uniti nel febbraio 2017 ed in Italia ad aprile dello stesso anno.
Racconta la storia di tre donne, amiche, mogli, madri, alle prese con le sfide della vita quotidiana ed un omicidio.

Come sia stato commesso l’omicidio, che ci viene presentato già compiuto all’inizio della prima puntata, verrà svelato solo nell’ultima scena dell’ultima puntata. Ciò che ha portato a compierlo e chi sia stato a farlo è invece raccontato in tutto il resto della serie attraverso le complicate storie delle protagoniste ed i continui viaggi temporali.
Tra tradimenti, abusi e insicurezze, la serie si addentra sempre di più nella vita delle sue protagoniste che, prima ancora di essere madri e mogli, sono donne e, come tali, hanno il bisogno prima di tutto di essere se stesse, di realizzarsi e di far sentire la propria voce ed avere la propria indipendenza e  giustizia.

Ad accrescere la bellezza di questa serie sono le attrici protagoniste che, lontane dai riflettori hollywoodiani, hanno deciso di dedicarsi a questo progetto regalandogli spessore ed intensità.
Stiamo parlando di Nicole Kidman, che interpreta Celeste, ex avvocato, madre di due gemelli e moglie di un marito violento; Resee Witherspoon, che interpreta Madeline, madre di una bambina e di una adolescente , e Shailene Woodley,  che interpreta Jane, ragazza madre di un dolce bambino nato da uno stupro.
La serie ha immediatamente entusiasmato i telespettatori e vinto cinque Emmy Awards, nella categoria Miniserie o film TV, come Miglior miniserie, Miglior regia, Miglior attrice (Nicole Kidman) , Miglior attrice non protagonista (Laura Dern) e Miglior attore non protagonista (Alexander Skarsgard).

Sono rimasta affascinata dalla maestria con cui l’intera serie è stata costruita. Con continui flashback, tassello dopo tassello, si ricompone l’intera storia che all’inizio ci viene presentata con il solito clichè americano: un omicidio e tre amiche che prendono un caffè in un bar, ma che poi diventa sempre più coinvolgente ed appassionante.
L’irregolarità temporale crea suspance ad una storia che già di per sé invoglia lo spettatore a voler sapere sempre di più.  Le sette puntate volano via in poco tempo, nonostante ciascuna duri quasi un’ora.
Personalmente non ho minimamente sospettato chi fosse la persona che ha perso la vita, qualche idea invece sul colpevole  l’ho avuta. Ho apprezzato l’interpretazione di tutti, anche se in verità ho odiato il personaggio di Renata, interpretata da Laura Dern.
La sua voce isterica e i suoi pantaloni a zampa di elefante mi hanno fatto spesso perdere la pazienza :D
Consiglio questa serie a chi ha voglia di scoprire le dinamiche di un crimine e conoscere la vera forza delle donne. Non nascondo che probabilmente Big little lies può attirare un pubblico soprattutto femminile, ma non escludo che la trama e le protagoniste possano interessare anche i telespettatori maschietti.
Roby

mercoledì 16 agosto 2017

Storia d'inverno - Mark Helprin

TITOLO: Storia d’inverno
AUTORE: Mark Helrpin
EDITORE: Neri Pozza
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2014
PAGINE: 846
PREZZO: 18,00 euro
GENERE: Narrativa
-----------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★


Peter Lake è un ladro. Un ladro nella Manhattan dei primi del Novecento in cui la guerra tra bande regala ogni mattina un mucchio di cadaveri a Five Points sul fronte del porto e in luoghi insoliti come campanili, collegi femminili e magazzini di spezie. Peter lavora in proprio, e perciò non interessa più di tanto alle forze dell'ordine sguinzagliate contro il grande crimine. Sta particolarmente a cuore, invece, ai Coda Corta, una dozzina di sgherri guidati dal feroce Pearly Soames. Pearly ha occhi lucidi e argentei simili a lame di rasoio e una cicatrice che gli solca il viso dall'angolo della bocca all'orecchio. E un criminale e, come tutti i criminali, vuole oro e argento, ma non per amore della ricchezza alla maniera di volgari rubagalline. Li vuole perché brillano e sono puri. Affascinato dai colori, legge i giornali e i cataloghi delle aste, e capeggia i Coda Corta giusto per trafugare opere d'arte "degne di lui", importate dall'Europa a bordo di lussuosi panfili. Il campo di manovra è troppo ristretto e la posta in gioco troppo alta perché Pearly Soames possa tollerare la presenza di Peter Lake a Manhattan. Avvezzi come sono all'omicidio e alla corruzione, i suoi Coda Corta l'avrebbero eliminato da un pezzo, se il ladro non avesse un prezioso alleato: un cavallo che sembra una statua eroica, un enorme monumento bronzeo, capace di balzi strabilianti, voli di sei metri di lunghezza e due e mezzo di altezza.

sabato 12 agosto 2017

The chemist - Stephenie Meyer

TITOLO: The chemist
AUTORE: Stephenie Meyer
EDITORE: Rizzoli
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PAGINE: 540
PREZZO: 20 euro
GENERE: Thriller
-------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★


Chi l’aveva condannata a morte temeva ciò che sapeva, ma non aveva mai avuto paura di lei. Forse era ora che le cose cambiassero

Alex, o meglio Juliana, lavorava per il governo degli Stati Uniti. Ora, però, quello stesso governo le dà la caccia per ucciderla motivo per cui è costretta a spostarsi in continuazione e a cambiare sempre nome. Dopo qualche anno in fuga il suo ex capo le offre la possibilità di vivere finalmente una vita tranquilla in cambio di un ultimo lavoro perché lei è la migliore nel suo campo: è una torturatrice. Tuttavia, quello che sembrava un lavoro semplice si trasforma in una trappola e lei farà tutto ciò che può per vendicarsi.

sabato 5 agosto 2017

Neon Demon







Paese di produzione Francia, Stati Uniti d'America, Danimarca
Anno 2016
Durata 118 min
Genere orrore, thriller
Regia Nicolas Winding Refn
Soggetto Nicolas Winding Refn








Interpreti e personaggi
Elle Fanning: Jesse
Jena Malone: Ruby
Bella Heathcote: Gigi
Abbey Lee: Sarah
Karl Glusman: Dean
Desmond Harrington: Jack McCarther
Christina Hendricks: Roberta Hoffman
Keanu Reeves: Hank
Charles Baker: Mikey
Alessandro Nivola: Robert Sarno
Jamie Clayton: direttrice casting

Trama
Quando l'aspirante modella Jesse si trasferisce a Los Angeles, la sua giovinezza e vitalità vengono fagocitate da un gruppo di donne ossessionate dalla bellezza e disposte ad usare ogni mezzo per prenderle ciò che ha.

Trailer


Opinione

OSCENO!

Mi spiace ma è un film assolutamente noioso, banale e che non ha nulla di horror.
Non so cosa avessero in mente, ma non trasmette nulla a chi lo guarda.
La trama mi incuriosiva: un horror nel mondo della moda sembrava qualcosa di interessante e nuovo, con il pizzico di curiosità rappresentato da una nuova ragazza che entra in questo ambiente che (si sa) non perdona.

Invece due ore di rotture di balle
Trama inesistente.
Una fotografia pressante e seccante (che forse voleva essere un punto forte, ma si rivela l'ennesimo motivo per sbattere la testa al muro).
Personaggi piatti, banali, stereotipati.
Insomma: non si salva NULLA.
Non guardatelo!

Vi racconto la storia
La protagonista è una ragazzina di sedici anni, rimasta orfana, che decide di diventare una modella per poter guadagnare dei soldi a Los Angeles.
E già qui uno si fa due domande: ha già lavorato? E' sveglia, per cavarsela in questa metropoli?
NO!
E' una patata! (e sono buona)
Ovviamente lei è bella-bellissima, una cosa che paralizza chiunque la trovi davanti e li fa innamorare di lei all'istante, portandola dal nulla all'attenzione di fotografi che non esitano a volerla.
Totalmente ingenua e vergine (in ogni senso), che fa venire quasi il nervoso a vederla muoversi in questo mondo come se galleggiasse sopra a tutto il resto, come se la "sporcizia" non la toccasse.
Realismo pari a zero.

E (di nuovo) ovviamente si troverà in mezzo a delle modelle con la data di scadenza quasi arrivata, che sentendo il ticchettio avvicinarsi e non potendo impedire l'età di avanzare (nonostante sempre maggiori ritocchi estetici) diventano super gelose di questa ragazzina, che non si è ancora accorta di quando possano essere serpi quelli di quel mondo e non mette in dubbio niente di queste donne.

Già dalla prima scena si capisce che Ruby, una truccatrice, diventa amica di Jesse solo per potersela fare (è lampante!). Mentre Gigi e Sarah (le due "amiche al silicone") ogni tanto compaiono attorno a lei e non possono fare a meno di sfotterla, facendo le superstar grandi e vissute, quando ormai nessuno se le caga più.
In un mondo di corpi copia-incolla, tutti che cercano la perfezione in ogni modo, la lotta è spietata.
Ma Jesse è oltre tutto questo, per lei non esiste, lei è "la perfezione" e quindi non si pone il minimo problema riguardo a nulla.

Sarà solo verso la metà del film che, come per uno schiocco di dita, la nostra Jesse si sveglia e passa da timida campagnola, a modella che se la tira, con tanto di "loro vogliono essere me".
Ma è una fase, perché torna lobotomizzata la scena dopo.

Non poteva mancare il lato brutale maschile, rappresentato dal proprietario del motel dove vive Jess (un Keanu Reeves molto triste e piatto, in questa veste da padrone di casa che si sbatte le ragazzine). A contrapporsi a lui un bravo ragazzo, che non batte ciglio quando alla prima uscita lei si tira indietro perché non se la sente di baciarlo (timida ed impacciatissima, ricordate?), anzi, le continua a stare intorno, premuroso e gentile, pagandole i debiti ed aiutandola...fino a quando lei si rende conto di essere irresistibile e lo scarica in modo orribile.

Per chiudere il tutto?
Jesse scappa a casa di Ruby per poter rilassarsi (capendo che del padrone di casa "forse" non può fidarsi), ma lei ci prova arrivando quasi allo stupro e rimanendo scioccata quando lei la rifiuta.
Lo vede come un qualcosa di inaccettabile e inizia a perdere il cervello (del tipo "nessuno può dirmi di no").
C'è anche una scena (fatta malissimo!) dove Ruby, che fa la truccatrice anche in un obitorio, si immagina la donna stesa sul tavolo come Jesse e se la scopa.
Cambia scena e Jesse viene attaccata da una delle due "amiche al silicone" che la rincorre con un coltello per ammazzarla, ma finisce nel nulla. (Scena inutile)

Per finire con le tre donne che la portano sul bordo di una piscina vuota e la spingono giù, uccidendola (prevedibilissimo, dal primo istante in cui si vede la piscina).
Poi le siliconate scopano in doccia mentre si levano il sangue di dosso mentre Ruby fa il bagno nel sangue di Jesse. (Il senso di tutto ciò? Non ne ho idea)

Stacco e si riparte con un servizio fotografico, dove una delle due modelle (una delle siliconate) impazzisce, scappa piangendo e volendo "tirar fuori Jesse", così vomita un occhio intero e poi si pianta delle forbici nello stomaco, il tutto sotto lo sguardo di un'altra modella che resta impassibile...anzi! Prende l'occhio e se lo mangia, prima di tornare sul set.
Paura? Disgusto?
Per niente!
Solo schifo per aver perso tempo con questo obbrobrio.

martedì 1 agosto 2017

Una serie di sfortunati eventi (libro 13) - Lemony Snicket


Risultati immagini per la fine lemony snicketTITOLO: Una serie di sfortunati eventi - La fine 
AUTORE: Lemony Snicket
EDITORE: Salani
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2008
PAGINE: 270
PREZZO (di copertina): 10,00 euro
GENERE: narrativa
---------------------------------------------
RECENSIONE DI: Alexis


VOTO: ★★★

Ed eccoci qui a parlare dell'ultimo capitolo della saga più sfortunata del mondo!
Dove eravamo rimasti? Ah sì, gli orfani Baudelaire erano scappati col Conte Olaf.. prima che vi vada il coridiale di cocco di traverso vi devo avvisare che sì, è tutto vero: Violet, Klaus e Sunny sembrano essersi "alleati" col loro nemico numero uno e stanno fuggendo a bordo della Carmelita. Dove li porterà la corrente?
Su Olaflandia! In realtà sbarcano su un'isola dove trovano una ragazzina di nome Venerdì ad accoglierli la quale, con grande sollievo dei fratelli, non trova simpatico il Conte Olaf e lo manda via in malo modo. I tre ragazzi, rimasti finalmente soli, possono conoscere gli altri abitanti dell'isola, tra i quali spicca Ismaele, il facilitatore dell'isola.

Agli orfani non sfugge che gli abitanti dell'isola sono soggiogati da Ismaele, ma sembrano essere abbastanza contenti della loro vita: ogni volta che c'è una tempesta, loro hanno il compito di cercare tra i relitti oggetti interessanti e portarli a Ismaele. Facile, no? "Dipende dai punti di vista", direbbe una persona di mia conoscenza..
Isma non fa altro che scartare ciò che gli isolani trovano tra i relitti e - orrore! - non fa tenere nessun libro sull'isola.. un comportamento un po' losco, non credete?
Un giorno la tempesta porta due inaspettati visitatori: il Conte Olaf (credevate che fosse finita qui?) e Kit Snicket. Anzi, forse tre: vi ricordate della Vipera Incredibilmente Letale? Ecco, proprio lei diventerà una preziosa alleata per i tre fratelli: insieme scopriranno un segreto che Isma ha sempre tenuto nascosto dal primo momento in cui li ha visti..

Ce la farà il Conte Olaf ad attuare il suo terribile piano finale?


domenica 30 luglio 2017

Il problema è che ti amo - Jennifer L. Armentrout

TITOLO: Il problema è che ti amo
AUTORE: Jennifer L. Armentrout
EDITORE: Nord
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PAGINE: 440
PREZZO: 16,90 euro
GENERE: Narrativa
-------------------------------------
RECENSIONE DI: Chiara
VOTO★★★


Mallory non ha avuto un passato facile. Il suo vecchio padre affidatario era spesso violento e lei per evitare di prenderle era costretta a nascondersi o a restare in silenzio. E, anche se ora sono passati anni da allora e nonostante ora abbia due genitori che tengono realmente a lei, quella situazione l’ha fortemente traumatizzata tanto che ha molte difficoltà a palare con le persone.
Questo l’ha portata a prendere lezioni private per quattro anni ma, poiché è decisa a frequentare il college, Rosa e Carl, i suoi genitori adottivi, hanno ben pensato di farle fare una prova con l’ultimo anno di liceo. E, proprio il primo giorno di scuola, al corso di comunicazione, incontra niente di meno che Rider Stark, il ragazzo che è cresciuto nella sua stessa casa (anche lui in affido) e che la difendeva dal padre violento. Per ben 4 anni non ha avuto suo notizie ma ora che si sono rincontrati non sarà facile separarli.